Alitosi

L'alitosi, disturbo che si manifesta con l'emissione di odore sgradevole attraverso l'atto espiratorio e la fonazione, è molto diffusa nella popolazione mondiale: dalle forme più eclatanti e persistenti a quelle più leggere e transitorie si stima che oltre il 50% della popolazione mondiale ne sia affetta.

Può avere origini diverse, a volte è causata da malattie sistemiche (ernia iatale, cirrosi epatica, diabete mellito) ma più spesso è espressione di problemi del cavo orale: dalla tendenza a formare una spessa patina bianca sulla lingua, alle parodontopatie infiammatorie con tasche gengivali in cui si annidano i germi capaci di produrre i gas responsabili.

La rilevanza della componente psicologica di tale disturbo è facilmente intuibile e ben nota fin dalle civiltà più antiche, tanto che numerosi rimedi sono stati indicati nel corso dei secoli. L’alito cattivo infatti può rappresentare una grande limitazione nei rapporti interpersonali, inducendo chi ne soffre ad evitare il più possibile contatti troppo ravvicinati con il prossimo.

Rimedi

Spazzolamento del dorso della lingua


Per risolvere il problema dell'alitosi in molti casi è sufficiente spazzolare accuratamente oltre che denti e gengive, il dorso della lingua.
Nel dorso della lingua si annidano residui di cibo la cui putrefazione libera sostanze chimiche, solfato d'idrogeno e metilmercaptano, direttamente collegate al maleodore orale. Tra l'altro è stato ipotizzato che i microrganismi che proliferano in tali residui siano responsabili di carie e parodontopatie. Spazzolare delicatamente il dorso della lingua con un normale spazzolino da denti funziona bene nell'eliminare tali residui alimentari e i batteri che li colonizzano, prevenendo così oltre che l'alito cattivo, carie dentarie e parodontopatie.

Utilizzo di collutori
Esistono anche colluttori che eliminano o riducono l'alito cattivo. Il colluttorio non cura però la causa del problema, ne annulla solo gli effetti. In alcuni studi è stato dimostrato che i colluttori che contengono zinco o bicarbonato sono in grado di decomporre i composti solforosi che causano l'alitosi.
L’introduzione dell’uso di un collutorio contenente Clorexidina e Cetilpiridinocloruro poi, si può rivelare un ottimo strumento per l’ulteriore riduzione della carica batterica e per il ripristino delle condizioni di salute nel cavo orale.

 

 

 

Il 10% dei guadagni dello Studio Dentistico Dott. Gisabella viene devoluto in beneficenza nei confronti di : Telethon, Associazione "Azzurro e Rosa", e per l’acquisto di prodotti equo-solidali. 

 

 

 

 

 

Studio Dentistico - Dentista - Dentista Catania - Dentista Sicilia - Odontoiatra Catania

Chiama Ora
+39095505729